Miniature di Francavilla
Il drago

Melanzane

Melanzane sotto olio

La melanzana è  la regina della cucina calabrese e per questo i modi di prepararla o di conservarla sono tanti.
Tutte ricette molto gustose che fanno apprezzare questo prodotto in tutte le varianti: antipasto, primo, secondo o contorno.

Molte sono anche le ricette che permettono di conservare le melanzane per l’inverno: sotto aceto, sott’olio ecc. ecc..

Una ricetta molto diffusa a Francavilla Angitola per prepararle e conservarle è quella dei “malangiani sutta uojjiu

Normalmente si preparano dalla metà di agosto in poi per consumarle nell’inverno.
La ricetta è abbastanza semplice ma la preparazione richiede impegno e attenzione per la cura che bisogna prestare per ottenere un prodotto gustoso ma anche esteticamente curato.

La prima cosa da fare è quella di procurarsi “na cascetta e malangiani viola” e dopo averle lavate e avere indossato dei guanti usa e getta, per evitare che vi diventino le mani nere,  mia madre da buona contadina ne faceva volentieri a meno, sbucciatele e tagliatele una per una in sottili striscioline per quanto è lunga la melanzana. Se riuscite ad avere delle striscioline di uguale grandezza è tanto di guadagnato.

Mettetele in un capiente recipiente di plastica per alimenti e aggiungete il sale fino avendo cura di girarle con le mani affinché questo sia distribuito in modo uniforme su tutte le melanzane.

A questo punto si provvede a mettere sopra le melanzane contenute nel recipiente di plastica un coperchio, che può essere anche un piatto, sul quale va posizionato un peso. Basta un contenitore di vetro di cinque litri pieno di acqua. E’ buona cura coprire il tutto con “nu sarviettu”.

Trascorse ventiquattro ore circa le melanzane vanno spremute con le mani con molta forza fino a farle diventare quasi asciutte. Questa fase è molto importante ai fini del colore che il prodotto avrà una volta che sarà condito dentro i vasetti.

Dopo averle strizzate ben bene e buttato tutto il liquido nero salato vengono bagnate utilizzando un  litro di aceto bianco e rimesse in un recipiente di plastica per alimenti.
Si ricoprono con il solito coperchi e il solito peso e si fanno rimanere così per altre ventiquattro ore.Melanzane pronte

Infine vengono strizzate sempre in modo energico e quindi condite tutte insieme con abbondante olio extravergine di oliva, peperoncino piccante, basilico e aglio.

Si procede quindi a riempire i vasetti di vetro, che abbiamo provveduto a sterilizzare con i relativi coperchi, si tratta di farli bollire in acqua per almeno dieci minuti, con le melanzane  che presseremo per bene e che ricopriremo con dell’olio extravergine d’oliva.

Consiglio di non chiudere subito i vasetti di vetro con il relativo coperchio ma di aspettare il giorno successivo per far si che l’olio se trova degli spazi tra le melanzane si distribuisca in modo uniforme.

Il giorno dopo eventualmente si rimboccano i vasetti con l’olio e si procede alla loro chiusura avendo l’avvertenza di verificare che l’olio copra tutte le melanzane,

Naturalmente quando cominceremo a consumare le melanzane ogni qualvolta che ne toglieremo prima di richiudere il vasetto con il suo coperchio dovremo aggiungere dell’olio per far si che le stesse rimangano sempre coperte.

Quando le servirete queste melanzane avranno sicuramente il gradimento dei vostri ospiti.

 

Una cassetta di melanzane viola

Due Kg di sale marino fino

Aglio e peperoncino

Due litri d'olio extravergine d'oliva

Tre litri di aceto bianco


 

Melanzane viola

scrivimi  

Francavilla Angitola - Storia Ricordi Cultura Religione